“Caffè Nero”: saggio 2018

“Un laboratorio teatrale è per molti il luogo in cui si scoprono per la prima volta i meccanismi della scena. Non si diventa attori senza conoscere cosa uno spettacolo nasconde: la sua preparazione, certamente, lo studio della parte e le prove, ma anche stare dietro le quinte, ricevere i messaggi dal direttore di scena, prepararsi a entrare sul palcoscenico o aspettare pazienti il proprio momento, recitare fuori campo. Per dar voce a tutto quanto di solito sta nascosto abbiamo deciso di svelare, ogni cosa, senza eccezioni. E abbiamo deciso di raccontare come il teatro trasformi gli oggetti e le persone, facendoli diventare qualcos’altro per l’intero tempo della rappresentazione, giocando a provarsi nelle diverse parti, per cercare di imparare e misurarsi, come in ogni laboratorio. Agatha Christie ci ha accompagnato in questo divertente percorso di scoperta: del colpevole, di noi stessi, del teatro.”

 Lorenzo Galletti, firma la regia del saggio teatrale 2018 e di questo breve articolo.
Vi aspettiamo al Teatro Bolognini il 20 settembre alle 20.45 !!!
photo_2018-08-29_22-22-07 (2)

LE DONNE DI SPARTA

Giovanna e Francesco

Giovanna Burgio e Francesco Vadi

Vi presentiamo un altro articolo, scritto da Giovanna Burgio e Francesco Vadi (interpreti del capitolo dedicato a Sparta insieme a Giaele Daddi e Maria Vittoria Ricciola), sempre inerente lo spettacolo “Piccole Storie di Grandi Uomini” in scena al Teatro Bolognini di Pistoia sabato 14 aprile alle 21.00.
Ma non stiamo pubblicando il copione, tranquilli, avrete comunque la sorpresa di chi assiste per la prima volta.

Continua a leggere

Piccole Storie

Piccole Storie di Grandi Uomini” è il titolo dello spettacolo prodotto dalla Compagnia Teatrale Archeosofica che andrà in scena al Teatro Bolognini di Pistoia sabato 14 aprile alle 21.00.Piccole Storie 1

La storia dell’umanità è piena di esempi straordinari, personaggi che hanno saputo dare un senso alla loro vita tanto da suscitare ancora oggi interesse, fascino e mistero.
In queste storie il confine tra realtà e leggenda è un filo sottilissimo. bersaglio per arco mongolo
Sono reali perché i protagonisti sono realmente vissuti in carne ed ossa, ma leggendarie e quasi mitiche perché le imprese da loro compiute, narrate e trasmesse da bocca ad orecchio nel corso dei secoli, hanno assunto i colori dell’impossibile, dell’incredibile e straordinario, come succede ai super eroi della fantascienza moderna.guerriero greco

Quattordici attori si alterneranno sul palco ora in veste di narratore ora in costume d’epoca, per portarci sulle ali del tempo brevi, “piccole storie” di sei personaggi, non in cerca d’autore, ma in cerca di riscatto.
IMG_2242a
Sì, perché non tutto di loro è stato raccontato e non tutto è stato scoperto. Sei storie selezionate tra mille che potevamo interpretare. Sei storie di uomini che hanno impiegato tutte le loro forze per un progresso comune, rinunciando a se stessi per un Ideale, o lottando sino alla morte per questo Ideale.Galgano spada

Ma non pensiate che sia uno spettacolo noioso, tutt’altro! Il sipario resta aperto dall’inizio alla fine, e vi ritroverete sorpresi dello scorrere rapido di queste due ore, sospesi tra spazio e tempo, con la curiosità di saperne ancora, di vedere ancora … Infatti, la nostra troupe sta preparando il sequel, perché non solo grandi uomini hanno lasciato una traccia importante, ci sono state anche grandi donne a dare un sostanzioso contributo!
Dunque, vi aspettiamo sabato 14 aprile al Bolognini, prenotazioni aperte fin da ora telefonando a Fiorella 335 7017578.

SAGGIO TEATRALE

PirandelloSiamo in dirittura d’arrivo per il saggio annuale degli allievi pistoiesi. Ebbene sì, il 3 Ottobre al Teatro Bolognini di Pistoia presenteremo uno spettacolo dal titolo “Pirandello con o senza maschera”. Si tratta di tre atti unici preparati da tre registi con gli allievi del laboratorio teatrale “È tempo di teatro”, che si è svolto da gennaio a giugno nella sede di piazza dello Spirito Santo 1.
Comincerà il regista Lorenzo Galletti con “La giara”, seguirà Alessandro Cecchini mettendo in scena “La patente” e concluderà la serata Alessandro Boncompagni con “Lo storno e l’angelo Centuno”.la_giara
La scelta di Pirandello è stata determinata dal desiderio di tributare un omaggio al geniale drammaturgo siciliano, che ha saputo osservare e scandagliare l’animo umano, quale è nell’intimo di ciascuno e come si manifesta agli altri, nella società prendendo mille forme.
L’intento principale che ha animato questo evento è quello di fare una riflessione sull’uomo che si chiude in una forma, sia che si tratti di una giara, sia che si tratti della maschera di uno iettatore, sia che si tratti di una comunità che si ferma all’aspetto superficiale della vita e non sa andare oltre l’apparenza.
Tra gli attori alcuni hanno già calcato le scene, mentre altri sono alla loro prima esibizione.locandina saggio teatrale 2017
I tre registi sono stati molto abili nel realizzare questo spettacolo con le poche risorse a disposizione. Siamo una Compagnia Teatrale autogestita, facciamo tutto per passione e ci mettiamo tanta passione. L’ingresso allo spettacolo sarà ad offerta libera, contiamo sul vostro sostegno !!! I tre registi sono stati abili anche nel rendere molto simpatici i tre atti unici, che pur contenendo spunti di riflessione vi faranno sicuramente divertire.

Prenotatevi chiamando Fiorella 3357017578 oppure in segreteria 05732414.