MA NON LO TROVATE SCONVENIENTE ? – di Luisa Federico Corti

Liebe Fräulein Corinna Dalmeier,

Ma non la trovate sconveniente tutta questa modernità?! Oh insomma! Questa gioventù ribelle che non ascolta più i consigli dei genitori. Che rovina! Anche io da bambina sognavo di fuggire nella baita di campagna di mia nonna con il mio amato Otto, il figlio della governante, un ragazzino paffutello, dolce e premuroso, mi perdevo nei sui occhi scuri senza confini, sembrava mi sollevasse fino in cielo con lo sguardo…

Ancora oggi, sola nel mio grande salotto, mentre fisso le pareti domestiche, mi rivedo nella grande cucina della residenza estiva di famiglia, il tepore del caminetto, quel profumo del cesto delle erbe di campo appena colte e io seduta al tavolo a fare colazione accanto ad Otto. Noi bambini eravamo accuditi dalla governante, non potevano stare con i grandi. Lui mi allungava sotto il tavolo il biscotto ripieno di frutti di bosco che mi piaceva tanto, e io gli rispondevo con un sorriso e lo nascondevo nel fazzoletto… La mamma mi sgridava se mangiavo troppo… diceva sempre che le signorine dabbene devono essere contenute in tutto, che agli uomini non piacciono le donne che mangiano e parlano tanto. Ma io avevo tanta fame!!! La mamma era severa, lo faceva per il mio bene, lo so. Strano modo di dimostrarmi il suo amore… Quando mio fratello studiava quei libri di storia e di botanica, io ero con la mia istitutrice ad imparare a ricamare..   anche  suonare il piano, certo, è fondamentale per diventare una buona moglie. Voi Corinna so che mi comprendete.

Ogni tanto , vi confesso, di nascosto andavo a sbirciare nella biblioteca…quei libri che arrivavano fino al soffitto di legno, il mio cuore accelerava i battiti, quasi da capogiro… ma i genitori sanno sempre cosa è meglio per i figli e io volevo essere una figlia ubbidiente, proprio come volevano loro, così non ho mai avuto il coraggio di salire su quella scala e ho fatto bene perché non volevo dare dispiacere ai miei genitori. Corinna so che approvate questa mia decisione di bimba.

Anche quando mi proibirono di frequentare il mio caro Otto, capii che era giusto, la nobiltà ha le sue regole, non si deve frequentare la servitù…piansi tanto, sapete?…ma ubbidii… papà mi promise in sposa ad un suo caro collega, un medico… frequentava la nostra casa fin da quando ero bambina,  lo chiamavo  zio Franz…

Un ottimo partito, così disse la mia mamma, poi la grande depressione mi confermò l’importanza di ciò che i miei genitori mi avevano insegnato. Ora dicono che tutte queste scoperte porteranno grandi ricchezze, mah…secondo voi non erano sufficienti le carrozze? Così confortevoli, così intime… a cosa servirà mai quella grande macchina a vapore…il treno…. chi avrà mai tutta questa fretta di arrivare? Per andare dove poi?  Vienna è così bella, non credete? non manca nulla…Tutta colpa di questa innovazione industriale, i miei figli sono andati via, appena appena grandicelli, ingrati! Sono da mio fratello ora, a Londra, dicono una grande città, con le case che hanno l’elettricità… ma è così bella la luce di candela… Che imprudenza, chissà quanti pericoli! Mi sento così sola…sapete…per fortuna posso contare su un’amica come voi, Corinna. Quando nel salotto della cara Margit si parlava di quella cosa dei tavolini parlanti, di parlare con di defunti…beh ha ragione quel sant’uomo di Monsignor Flavigny, è una pratica disprezzata dalla Chiesa…. Però…lo dico solo a voi, Corinna: talora di sera mi assopisco davanti al fuoco del caminetto e vedo girovagare il mio caro defunto marito… il dottore dice che sono allucinazioni, che mi devo distrarre di più, uscire con le mie amiche, ma ho solo voi! E voi uscite poco…

Brigitte NeunerPotremmo chiedere a Lady Isabel se qualche pomeriggio vuol passare a prendere un caffè e una torta, con le sue storie così misteriose … Ma Corinna, vi confesso che quei brividi di freddo…con le finestre chiuse, ve l’assicuro, e quel sonno strano…un torpore… precedono sempre la visita di mio marito…mi spaventano tanto! Questa storia dello spiritualismo non sarà un malattia contagiosa?

Vostra devota e affezionata, Brigitte Neuner

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...